(Carlo Desgro)    Caserta economicamente parlando sta andando in miseria. I commercianti del centro , specialmente quelli di corso Trieste, continuano nella fase calante fatta di clientela che si allontana ed incassi che scendono sempre di più. Una crisi sotto gli occhi di tutti. Vedere per credere. Un giro per il Corso Trieste e si contano i negozi ancora aperti. Il resto degli esercizi commerciali ha chiuso l’attività o la sta per chiudere. E di fronte a questa autentica morte commerciale, cosa ti propone la nostra Giunta comunale con in tests il sindaco Marino? L’estensione della ZTL in altre zone della città. In altri termini, incalzato forse dai soliti ecologisti ancora innamorati del green o delle bici, il sindaco vuole vietare l’uso delle auto cosa che potrebbe anche andare bene per motivi di vivibilità a condizione però che il Sindaco offra servizi efficienti: trasporto pubblico con mini navette elettriche per tutto il centro, ogni cinque minuti, parcheggi più a portata di tasca per gli utenti, taxi elettrici che fanno il periplo continuo del quadrilatero storico cittadino, presenza massiccia di vigili per le strade per far rispettare i divieti di sosta ed i sensi vietati. Ripristino dei vecchi sensi di marcia per corso Giannone e ripristino della sosta a pagamento sul lato stradale adiacente la cancellata del Parco Reale cosi come era prima dell’ avvento del commissario straordinario. Solo  cosi, si potrà poi parlare di estensione della ZTL nella nostra città.