eliseo(Cancello ed Arnone, Ce) – Nei giorni scorsi è stata la volta di Raffaela Eliseo ad ufficializzare la sua candidatura nella lista civica La Scelta, impegnata nelle amministrative del 10 giugno prossimo.
Presso l’abitazione dei sui genitori, ha accolto parenti, amici e sostenitori, accorsi numerosi nonostante le avversità climatiche, dimostrazione, questa, di grande stima e sostegno.
Raffaela Eliseo è nata a Santa Maria Capua Vetere nel1992. Dopo il diploma conseguito presso il Liceo Scientifico Galileo Galilei di Cancello ed Arnone, sede staccata di Mondragone, si dedica subito all’attività lavorativa nell’azienda di famiglia.
“Quando l’avv. Ambrosca mi propose di candidarmi stavo vivendo un periodo particolare della mia vita, ero in attesa di mio figlio. In un primo momento, ero intenzionata a non accettare, volevo godermi la gravidanza e, soprattutto, mai avrei pensato di imbattermi nella politica locale. Poi ho riflettuto e, anche grazie al sostegno della mia famiglia e dei miei amici, ho deciso di accettare. Ho accettato perché penso di poter dare qualcosa al mio paese e ai miei concittadini, ovvero la mia disponibilità nell’ascoltare ma, soprattutto, nel cercare di risolvere quelli che sono i problemi quotidiani di ogni cittadino e ho scelto Raffaele Ambrosca perché, in questo momento, penso sia l’unica persona in grado di riportare il nostro paese alla normalità e vivibilità di un tempo.Tutti avete avuto modo di leggere il nostro programma elettorale; a differenza di quello che può pensare qualcuno, ogni singolo punto di quel programma è applicabile. Sono fermamente convinta che tutto verrà fatto, non resterà solo scritto sulla carta. La nostra voglia di fare è uno degli aspetti fondamentali che hanno fatto si che Raffaele scegliesse me e i miei colleghi candidati. Siamo ragazzi giovani, ognuno con delle specifiche competenze, con tante nuove idee da mettere in campo; abbiamo tutte le carte in regola per amministrare questo Comune e creare qualcosa di buono per questa comunità, soprattutto, abbiamo voglia di metterci in gioco”.