conte-nuovi-orizzontiGRAZZANISE (Raffaele Raimondo) – Giunge una prima risposta alla nostra cronaca-reprimenda di ieri sulle procedure in corso per l’adozione-approvazione del Piano Urbanistico Comunale (PUC). Perviene da Federico Conte, leader della civica Nuovi Orizzonti: « Il PUC è un elemento di fondamentale importanza per il governo e lo sviluppo del territorio – sostiene l’ingegnere candidato a sindaco che con la sua lista – 1954 voti (41,41%) – si piazzò secondo, dopo La Svolta di Pietro Parente, alle elezioni comunali del 2010 e ancora secondo – 1347 voti (28,93%) – nel 2015, ad una manciata di voti da L’Unione di Vito Gravante – Auspichiamo che non si perda più tempo – spiega ancòra Conte – e che, nel rispetto di leggi e regolamenti sulla cui applicazione vigileremo con molta attenzione, si proceda ad una veloce adozione del Piano fermo ormai da quasi tre anni. Contestualmente condanniamo fermamente – esclama, a ragion veduta, il fondatore dei Nuovi Orizzonti – la stasi completa che ha subìto questo importante strumento di governo del territorio addebitando, senza se e senza ma, tutte le occasioni di sviluppo perse da un’Amministrazione che sembra ormai prossima ad una probabile implosione e che al momento non sembra avere più la forza di assumersi una responsabilità politica così grande per portare a compimento un’opera così importante».

Si deduce a chiare lettere che, secondo Conte, il tempo è politicamente scaduto per una maggioranza la quale effettivamente ha lasciato trascorrere oltre un triennio quasi invano, nella fattispecie, e che nell’ultimo anno e mezzo di mandato vorrebbe assicurare un PUC finalmente operativo alla collettività. Anzi i Nuovi Orizzonti ritengono “ormai prossima” una “probabile implosione” rimarcando, in tal modo, le lacerazioni interne a L’Unione che tuttavia continua a tenere in sella il sindaco Vito Gravante e s’appresterebbe a surrogare il dimissionario consigliere Giovanni Parente non con Anthony Pezzullo (118 preferenze personali alle amministrative del 31 maggio 2015), ma con Antonella Diana (110). E, tuttavia, i Nuovi Orizzonti invocano una “veloce” approvazione del PUC: il che lascia intendere pure che da parte loro non v’è alcuna intenzione di gettare bastoni fra le ruote del carro ormai in cammino per la presentazione delle “osservazioni” da parte di cittadini, associazioni o comitati. Viceversa, stando a qualche indiscrezione di buona fonte, posizionamenti più energici starebbe meditando lo staff di Senso Civico, l’altro gruppo minoritario guidato da Enrico Petrella. Fino a questo momento, in merito non si registrano pubbliche dichiarazioni della consigliera renziana di opposizione Teresa Cerchiello.