Il consigliere comunale Antonio Ciontoli ha sollecitato il sindaco Marino ad attivare  con urgenza un piano per riportare la città ad un livello di vivibilità almeno decente come si evince dal contenuito della missiva che di seguito riportiamo:
Il sottoscritto consigliere comunale, nell’ambito delle attività che l’amministrazione deve mettere in campo, in questo periodo di emergenza sanitaria legata al Covid19, richiama l’attenzione della S.V. sull’esigenza di attivare, in via precauzionale, ma con ogni immediatezza, un piano di interventi teso:
al diserbo e scerbamento di aree pubbliche, strade, aiuole, marciapiedi, scuole, rioni, piazze del centro urbano e delle frazioni, le aree cimiteriali già, purtroppo, invase da erbacce e sterpaglie. Numerosi bambini, ma anche tantissimi adulti, soffrono oggi di allergie ciò che può portare stati febbrili e di costipazione respiratoria che, in altri tempi considerati malanni di stagione, in questo frangente, svilupperebbero legittimi stati di allerta e di preoccupazione, aggravando il sistema sanitario già gravato da numerosissime incombenze;
al lavaggio e sanificazione delle strade, dei cestini gettacarte e delle aree di accumulo indiscriminato di rifiuti. A tal riguardo, si segnalano i tratti, prossimi a villette, ai luoghi di aggregazione e aree verdi del territorio cittadino, delle frazioni e, comunque, nei luoghi noti in cui è frequente anche imbattersi in deiezioni canine;
alla manutenzione della vegetazione sulla viabilità pubblica da parte dei proprietari dei terreni privati – ordinanza n. 202 del 25.11.2017 – chiamati a rendere libere, decorose e sicure le aree incolte
al diserbo, scerbamento, oltre che bonifica, delle aree intercluse tra passaggi a livello, da effettuarsi a cura di Ferrovie Italia;
alla disinfestazione e derattizzazione della città e delle frazioni, sollecitando, in tale direzione, la ASL.
In queste giornate, in cui il tempo sembra essere sospeso, si approfitti della obbligata permanenza a casa dei cittadini e si acceleri sul piano degli interventi necessari, pubblicando un cronoprogramma ed un resoconto delle attività con date ed orari chiari ed evidenti. Chiede inoltre chiede che, al fine di una miglior tutela dei cittadini, si valuti la possibilità di procedere: 1) ad una attività di controllo sui prezzi al consumo. E’ noto a tutti come, su alcuni prodotti igienizzanti e di protezione della persona, siano stati praticati prezzi decuplicati rispetto a costi per acquisti effettuati in periodi non di crisi. E’ necessario, pertanto, effettuare un appello pubblico e far partire i controlli consequenziali, affinché i prezzi di vendita dei singoli prodotti rimangano coerenti con i prezzi di acquisto. I cittadini abbiano sempre attivi i riferimenti telefonici per segnalare eventuali anomalie; 2) Sospendere, nelle more di interventi di garanzia nazionale, l’invio delle bollette afferenti a tributi di pertinenza comunale, valutando, anche d’intesa con la Camera di Commercio, tutte le soluzioni possibili per allungare le scadenze stesse e per sostenere gli sforzi degli operatori commerciali che, a causa della crisi e per senso di responsabilità, hanno o stanno chiudendo le attività; 3) a monitorare quotidianamente lo stato della pubblica illuminazione in città e nelle frazioni. La chiusura delle attività nelle ore serali e l’esigenza di non muoversi da casa potrebbe creare zone d’ombra e spazi per malintenzionati; 4) con i servizi sociali e la Caritas Diocesana, unitamente al volontariato, verificare il bisogno delle persone anziane che vivono da sole e le aree di stazionamento di quanti senza fissa dimora;
Sono ore decisive per scongiurare il pericolo di contagio, con la collaborazione dei cittadini, si raccolgano suggerimenti ed iniziative utili a rendere partecipe e coinvolta la cittadinanza.

Il consigliere comunale    Antonio Ciontoli