Una circonstanziata interrogazione al sindaco di Caserta è stata presentata da Speranza per Caserta che vuole maggiori lumi sulla proroga concessa alla ECOCAR  in merito al servizio di raccolta dei rifiuti:proroga che non convince gli estensori della interrogazione Naime ed Apperti per le troppe incongruità esistenti. Leggiamola insieme, è davvero interessante:

PREMESSO che
– in data 27 settembre 2016 il Gruppo Consiliare “Speranza per Caserta”
ha presentato la mozione “Servizio di Igiene Urbana”, discussa e
respinta nella seduta del Consiglio Comunale del 9 novembre 2016 (cfr.
Delibera Consiglio Comunale n. 31 del 9/11/2016), con la quale è stato
sostanzialmente chiesto di istituire una Commissione Speciale sul ciclo
della raccolta e smaltimento RSU, secondo le modalità previste dall’art.
19, commi 1 e 2, del Regolamento delle Attività Consiliari, finalizzata
alla verifica del servizio per le continue violazioni del Capitolato
Speciale d’Appalto senza dar luogo a penalità e alla formulazione di
proposte per il miglioramento dello stesso, in considerazione delle note
vicende giudiziarie legate al sistema di falsificazione della effettiva
quantità del rifiuto organico conferito nelle piattaforme e sull’interdittiva
antimafia, confermata dal Consiglio di Stato, che ha colpito l’IPI Srl,
consorella in ATI del Consorzio Ecocar Ambiente Scarl;
– una seconda mozione è stata riproposta dal Gruppo “Speranza per
Caserta” e respinta nella seduta di Consiglio Comunale del 13 aprile
2017 (cfr. Delibera Consiglio Comunale n. 24 del 13/04/2017), a seguito
delle dimissioni del Presidente della 3^ Commissione Consiliare
Permanente “Urbanistica … Ecologia, Ambiente, etc.”, Rappresentante
della maggioranza consiliare, al fine di promuovere una discussione
approfondita e particolareggiata sull’argomento rifiuti, che riguardano
direttamente le funzioni di indirizzo e di controllo politico –
amministrativo del Consiglio Comunale;
Prot. n° 11
del 06/05/2020
Ing. F. Biondi
061022.61022.REGISTRO UFFICIALE.Int.0046441.06-05-
2020.h.10:01
Gruppo Consiliare Speranza per Caserta
2
– infine nella medesima mozione era stato richiesto un parere legale e/o
della Prefettura, in merito all’estensione dell’applicazione dell’interdittiva
antimafia dall’IPI Srl all’Eco.Car Srl (cd. “effetto a cascata”, menzionata
nella Sentenza del Consiglio di Stato n. 02774/2016 – Sezione Terza,
depositata il 22 giugno 2016) e alla procedura amministrativa posta in
essere, ossia quella di escludere dall’ATI l’IPI Srl e continuare il servizio
con la sola Eco.Car. Srl.
PRESO ATTO che
– nel mese di febbraio 2018 è scaduto il contratto di igiene urbana,
stipulato con l’Eco.Car. Srl il 02/07/2013 REP. 21139;
– con Determina Dirigenziale n. 211 del 21/12/2018 l’Amministrazione ha
stabilito di proseguire il servizio con la Società Eco.Car. fino al
30/06/2018, in regime di prorogatio;
– con Determina Dirigenziale n. 782 del 28/05/2018 sono stati approvati
gli atti di gara ed il relativo bando per l’appalto del servizio, pubblicato il
1/06/2018, con scadenza 16/07/2018;
– con Determina Dirigenziale n. 868 del 12/06/2018 è stata impegnata la
somma di € 4.155.923, 20 IVA compresa in favore della ditta Eco.Car.
Srl per coprire il servizio fino al 31/10/2018 (“data presumibile per
l’espletamento della gara da parte della centrale di committenza”), poi
successivamente prorogato con le seguenti determine dirigenziali:
a) n. 1639 del 6/11/2018 € 2.073.268,33 IVA compresa fino al
31/12/2018;
b) n. 149 del 6/02/2019 € 2.077.961,60 IVA compresa per i mesi di
gennaio/febbraio 2019;
c) n. 286 del 5/03/2019 € 2.077.961,60 IVA compresa per i mesi di
marzo e aprile 2019;
d) n. 672 del 24/04/2019 € 1.038.980,80 IVA compresa per il mese di
maggio 2019;
e) n. 915 del 4/06/2019 € 1.038.980,80 IVA compresa per il mese di
giugno 2019;
f) n. 1124 del 08/07/2019 € 1.038.980,80 IVA compresa per il mese di
luglio 2019;
g) n. 1201 del 24/07/2019 € 1.038.980,80 IVA compresa per il mese di
agosto 2019;
h) n. 1359 del 29/08/2019 € 1.038.980,80 IVA compresa per il mese di
settembre 2019;
i) n. 1526 del 1/10/2019 € 1.038.980,80 IVA compresa per il mese di
ottobre 2019;
Gruppo Consiliare Speranza per Caserta
3
j) n. 1698 del 24/10/2019 € 1.038.980,80 IVA compresa per il mese di
novembre 2019;
k) n. 1879 del 26/11/2019 € 1.038.980,80 IVA compresa fino al
31/12/2019;
– in alcuni dei sopra citati provvedimenti è riportato che “con nota PEC
del 6/12/2018 prot. n. 0013915 la Prefettura di Latina ha comunicato
l’emissione del provvedimento interdittivo antimafia – prot. n.
1543/2018/AM/Area I in data 24/01/2018 nei confronti della Società
Eco.Car. SRL e con Determina Dirigenziale n. 135 del 07/02/2019
l’Amministrazione ha revocato il contratto con la Società Eco.Car, poi
prorogato nelle more della definizione delle procedure di
aggiudicazione del servizio;
– con Determina Dirigenziale n. 1539 del 2/10/2019 l’affidamento del
servizio è stato affidato provvisoriamente alla Energetikambiente SRL,
che aveva risposto al Bando di gara, unitamente all’Eco.Car SRL (2^
classificata);
– con Determina Dirigenziale n. 239 del 18/02/2020 l’Amministrazione ha
disposto la revoca della proposta di aggiudicazione e l’esclusione dalla
procedura di gara della Energetikambiente Srl per “grave violazione agli
obblighi di pagamento di tasse e/o imposte e/o contributi accertata a
carico di Aimeri Ambiente SRL, proprietaria dell’azienda condotta in
affitto dalla Energetikambiente Srl”;
– con Determina Dirigenziale n. 495 del 7/04/2020 si è proceduto ad
escludere dalla procedura di gara anche la Eco.Car SRL (2^ classificata
nella procedura di gara), in quanto “non è stata in grado di assolvere le
proprie obbligazioni, tanto che il Comune, quale stazione appaltante del
servizio di raccolta rifiuti svolto dall’impresa in regime di prorogatio, ha
pagato ai lavoratori gli emolumenti arretrati ex articolo 30, comma 6, D.
Lgs. 50/2016, essendo venuto meno il requisito della regolarità
contributiva della stessa ditta appaltatrice”.
PRESO ATTO altresì
– che con Determina Dirigenziale n. 477 del 1/04/2020 si è proceduto
all’assunzione dell’impegno di spesa della somma di € 12.297,60 IVA
compresa, in favore della ditta “Eco.Car.SRL”, “per interventi
urgenti/attività di ritiro, sanificazione e conferimento dei rifiuti
provenienti da utenze contagiate dal COVID 19 nella città di Caserta
per un importo giornaliero di euro 840,00 IVA esclusa – interventi
previsti da 0 a 30 utenze contagiate al giorno – ritiro due giorni a
Gruppo Consiliare Speranza per Caserta
4
settimana, per almeno sei settimane salvo eventuali successive
disposizioni dell’Autorità Sanitaria”;
– che a tutt’oggi la società Eco.Car. Srl. gestisce il servizio di igiene
urbana, così come riportato nella sopra citata determina n. 477/2020
ma all’Albo Pretorio non risultano ulteriori provvedimenti oltre a quelli
sopra indicati e relativi alle Determine Dirigenziali nn. 1879/2019 e
477/2020, da cui si possa desumere la proroga del servizio di igiene
urbana.
I sottoscritti Consiglieri Comunali Norma Naim e Francesco Apperti del
Gruppo Consiliare “Speranza per Caserta”
CHIEDONO
1) se successivamente alla Determina Dirigenziale n. 1879 del
26/11/2019, che proroga il termine dell’affidamento al 31/12/2019, siano
state emanate ulteriori determine dirigenziali per i mesi di
gennaio/febbraio/marzo/aprile e maggio 2020;
2) il motivo secondo il quale sia stata emanata la Determina Dirigenziale
n. 477 del 01/04/2020, impegnando la somma di € 12.297.60 IVA
compresa “per interventi urgenti di ritiro, sanificazione e conferimento
dei rifiuti provenienti da utenze contagiate dal COVID 19 nella città di
Caserta per un importo giornaliero di euro 840,00 IVA esclusa –
interventi previsti da 0 a 30 utenze contagiate al giorno – ritiro due giorni
a settimana, per almeno sei settimane salvo eventuali successive
disposizioni dell’Autorità Sanitaria”, atteso che nella città di Caserta
dall’inizio dell’epidemia e fino ad oggi sono risultati positivi al COVID-19
n. 24 casi su un totale di circa 424 contagiati nella provincia di Caserta
(dati ufficiali dell’Unità di Crisi Regione Campania al 5 maggio 2020 ore
17);
3) il motivo per il quale l’Energetikambiente Srl è stata esclusa dalla gara
per “grave violazione agli obblighi di pagamento di tasse e/o imposte
e/o contributi accertata a carico di Aimeri Ambiente SRL, proprietaria
dell’azienda condotta in affitto dalla Energetikambiente Srl, e l’Eco.Car.
Srl esclusa anch’essa, in quanto “non è stata in grado di assolvere le
proprie obbligazioni, tanto che il Comune, quale stazione appaltante del
servizio di raccolta rifiuti svolto dall’impresa in regime di prorogatio, ha
pagato ai lavoratori gli emolumenti arretrati ex articolo 30, comma 6, D.
Gruppo Consiliare Speranza per Caserta
5
Lgs. 50/2016, essendo venuto meno il requisito della regolarità
contributiva della stessa ditta appaltatrice” ed invece quest’ultima
continui a gestire il servizio di igiene urbana, in regime di prorogatio,
come si deduce dalla lettura della Determina Dirigenziale n. 477 del
01/04/2020 e con un’interdittiva antimafia positiva;
4) se una Pubblica Amministrazione possa prorogare un contratto di oltre
2 anni dalla scadenza naturale, peraltro con una Società colpita da
interdittiva antimafia, nonostante si tratti di un servizio ricompreso tra
quelli ritenuti essenziali, senza attivare con celerità e speditezza
procedure di gara efficaci, seppur complesse.