Strano paese l’Italia, dove una figlia dei fiori con la sindrome di Stoccolma viene rilasciata dopo il pagamento di un lauto riscatto, nello stesso giorno in cui un certo Aldo Moro fu invece assassinato perché “… lo Stato non tratta coi terroristi…”.
Strano paese l’Italia, dove di sabato un lavoratore con la cassa integrazione in scadenza, non sa cosa dovrà fare il lunedì, perché il governicchio di incapaci che ci amministra è impegnato a litigare su come dovrà fare la sanatoria per i clandestini.
Strano paese l’Italia, dove il 25 aprile si consente alle solite zecche dei centri sociali di cantare bella ciao in piazza, senza osservare alcuna cautela e creando assembramenti, ma poi si multano con 400 euro gli esercenti che manifestano, regolarmente muniti di mascherina e distanziati come da norma, il loro diritto ad avere certezze e aiuti per ritornare al lavoro.
Strano paese l’Italia, dove per i calciatori saranno previsti tamponi a valanga perché il pallone deve tornare a girare e fare da oppiaceo ad un popolo di idioti, mentre invece per i medici e gli infermieri che ci salvano la pelle ogni giorno, non ci sono manco le mascherine a sufficienza per salvarsi la loro di vita.
Strano paese l’Italia, dove poliziotti e magistrati saltano per aria per arrestare e condannare i mafiosi, che un governo inetto rimette poi in libertà per decreto, uccidendo di fatto per la seconda volta chi lotta per la legalità.
Strano paese l’Italia, meraviglioso, ma strano…”