(di Nando Silvestri) Si è tenuta mercoledì 1 luglio la rassegna di arte e disegno “AperiArt” presso il Cerasole Cafè di via Marchesiello a Caserta. L’evento organizzato dalla giornalista Laura Ferrante ha promosso e presentato al pubblico i sontuosi disegni del giovane artista casertano Christian Gebiola, meglio noto con l’appellativo di “Xorange”. Si tratta di una sorprendente scoperta nel panorama artistico casertano che ancora una volta evidenzia senza inutili clamori di forma la destrezza, le tecniche e le capacità innate di alcuni giovani promesse del capoluogo di Terra di Lavoro. Christian Gebiola, snello, elegante nella sua morigerata simpatia e nel portamento, disegna dall’età di 4 anni e forgia il suo know how figurativo nella fucina dell’Istituto d’Arte di San Leucio. L’artista in erba di soli 23 anni si è subito rivelato “un interprete poliedrico in grado di fondere il verismo di taluni soggetti pertinenti al mondo animale e alla natura in generale con gli intimi profili sociologici dell’uomo”. E’ stato questo il giudizio formulato dal professor Decio Pastore, critico ed antropologo dell’arte nel corso della rassegna dedicata alle opere dell’intrepido artista casertano. La coinvolgente policromia di Christian nasce dai “punti” (dot working) dai quali il giovane trae linfa vitale per svelare lo spirito vibrante delle linee che traccia sapientemente attraverso penne e matite di spessore diverso. Uno sforzo che Xorange esterna mirabilmente allo scopo di conferire alle figure una seconda vita, una percezione ancestrale, una dimensione quasi parallela a quella reale depurata dalle contaminazioni del qualunquismo, dei luoghi comuni e della superficialità. E’ assai difficile se non impossibile guardare un disegno di Xorange senza subirne il trasporto ed il fascino dei particolari, la luce irradiata da forme e profili proposti con la suggestione di chi sa emozionare ubriacandosi di creativa autenticità.Uno dei disegni di Gebiola è stato lodato dalla professoressa Adriana Russo, 97enne pronipote di Luigi Piraandello, mia grande amica. Lodi alle sane pulsioni giovanili che sfociano nelle passioni destinate a crescere nello spazio e nel tempo, lodi a Christian Gebiola.