La vicenda della multa comminata dall’Inail di Caserta all’Ente Comune entra nel dibattito dell’aula consiliare su iniziativa del gruppo Speranza per Caserta. La capogruppo Norma Naim ha infatti inoltrato una interrogazione per fare luce sulla vicenda. Nel corso dell’emergenza Covid c’è stato un errore di comunicazioni tra il Comune e l’Inail, con il primo inadempiente nell’invio della documentazione per il riconoscimento della malattia professionale ad uno dei dipendenti. Il mancato utilizzo del moderno strumento della posta elettronica certificata a ‘vantaggio’ del classico telefono d’ufficio è costato al Comune ben 1290 euro di multa, comminati per le omissioni documentali dell’amministrazione. “Questa vicenda dimostra, ancora una volta qualora ce ne fosse bisogno, che esiste un grave problema di funzionari che non conoscono o che non riescono ad applicare le procedure di legge – sottolinea la capogruppo Norma Naim – abbiamo presentato una interrogazione per capire dall’amministrazione se si intende accertare le responsabilità degli uffici comunali e del Dirigente e come mai non fossero disponibili i moduli prestampati per le comunicazioni all’Inail che dovrebbero essere sempre disponibili. Non si può dire, come si legge negli atti ufficiali del Comune che la negligenza non c’entra: atti e moduli devono essere a disposizione degli uffici comunali e – conclude – non si può scaricare la responsabilità sul centralino dell’Inail che non offre risposte”